Ascoli Piceno

ASCOLI PICENO

Il centro storico della città è costruito in travertino, un marmo grigio-pietra estratto dalle montagne circostanti. La centrale piazza rinascimentale, Piazza del Popolo è considerata una delle più belle d'Italia. Secondo i racconti tradizionali, Ascoli Piceno ha ospitato più di duecento torri nel Medioevo di cui una cinquantina ancora visibili oggi. Per approfondimenti clicca sulle immagini.

Per saperne di più clicca sull'immagine.

DA NON PERDERE

Chiesa San Francesco (1258 - 1549)
Voluta dai commercianti di Lana della città, fu eretta in stile gotico. Si appoggia, sul fianco destro, alla elegante Loggia dei Mercanti, un portico in stile del XVI secolo, mentre un portale laterale è impreziosito dal  monumento a Papa Giulio II (1506). Sulla facciata, tre portali gotico-veneziani; di pregio, quello centrale, uno dei migliori esempi di decorazione in travertino locale.

Cattedrale di Sant'Emidio
Fondato su una basilica romana, ospita una pala d'altare di Carlo Crivelli. Presso il fianco sinistro, sorge isolato il bellissimo Battistero del XII secolo, a pianta ottagonale. Nei pressi, il Palazzo dell’Arengo.

Palazzo dei Capitani del Popolo (XII sec.)
Collega tre edifici preesistenti ed è stato la sede del podestà, del capitano del popolo e, successivamente, dei governatori papali. Nel XV sec. fu ampliato il lato meridionale e nel XVI sec. Sono state aggiunte una facciata manierista nella parte posteriore (1520) e un nuovo portale, con un monumento di Papa Paolo III (1535).

E POI…

Ponte romano di Solestà
Risalente ai primi anni dell’impero, ha un ampio arco che scavalca il fiume Tronto. Nelle immediate vicinanze, una porta del 1230 e una pregevole torre medievale

Chiesa di S. Agostino (XIV sec.)
Costruita con una sola navata, fu ampliata con due navate nel tardo XV secolo. Nella rettangolare facciata quattrocentesca, un portale del 1547. Il convento ospita la biblioteca del Comune, la Galleria d'Arte Contemporanea e un auditorium.

Porta Gemina
Una antica porta romana del I sec. d.C., attraverso il quale la Via Salaria entrò in città. Nelle vicinanze le rovine del teatro antico.

Chiesa di San Vittore (XII-XIII sec.)
Chiesa in stile romanico a tre navate con pilastri e colonne alternati, presenta un’abside pentagonale e una tozza torre campanaria.

Chiesa di San Pietro Martire (XIII sec.)

Conosciuta localmente come Cola d'Amatrice, la chiesa gotica ha un portale del 1523 di Nicola Filotesio. L'interno contiene il prezioso reliquiario della Sacra Spina. Notevoli le tre absidi poligonali.

Chiesa SS Vincenzo e Anastasio (XI-XII sec.)
Chiesa Romanica, ha una facciata divisa in 64 riquadri in cui è incastonato un ricco portale gotico. Cripta del VI secolo e campanile a bifore.

Rocca Malatestiana
Sorge in un luogo probabilmente occupato da terme romane. Ricostruita da Galeotto I Malatesta, signore di Rimini, durante la guerra contro Fermo, e ampliata da Antonio da Sangallo il Giovane nel 1543, è stata adibita a carcere fino al 1978.

Convento di San Domenico
Oggi una scuola, ha un chiostro rinascimentale con affreschi del XVII sec.

Porta Tufilla (1552-55)
Torre-porta collegata al medievale Ponte Tufillo, costruito nel 1097 sopra il fiume Tronto. Altri ponti degni di nota sono il Pionte di Cecco - il Castellano- di origine romana repubblicana, e il Ponte Maggiore o"Ponte Grande", di origine medievale.

Fortezza Pia (1560)
Ricostruita da Papa Pio IV, domina la città.