Fortezza Pia di Ascoli Piceno

FORTEZZA PIA DI ASCOLI PICENO

La Fortezza Pia, seminascosta dalla vegetazione, è una antica posta sul Colle dell'Annunziata nella parte alta di Ascoli Piceno. Importante luogo sia dal punto di vista panoramico che dal punto di vista strategico, da sempre ha accolto opere fortificate fin dall’epoca piceno-sabina. Deve il suo nome a papa Pio IV che, nel 1560, la fece ricostruire, aggiungendo angolati baluardi scarpati sul versante sud, ristrutturando e ammodernando l’intero complesso.
La costruzione faceva parte di un complesso sistema difensivo ed era collegata ai baluardi di Porta Romana, tramite un camminamento ricavato nella doppia cerchia muraria. La cittadella fu poi smantellata dai Longobardi e ricostruita dal Comune Ascolano tra 1185 e il 1195.
Sconfitta da Federico II, la fortezza fu demolita per la terza volta ma nel 1349 Galeotto Malatesta la fece restaurare dai maestri lombardi Antonio Luchini e Giovanni Angelo di Marco detto Bonera.
Forse fu Sangallo l’architetto che diresse i lavori di fortificazione comprendevano due bastioni scarpati posti a guardia dell’ingresso principale, lunghe cortine, munite di casematte con feritoie per il tiro delle armi da fuoco. La fortezza fu poi smantellata dai francesi, nel 1799.