Montecarotto

MONTECAROTTO

Montecarotto conserva una notevole cinta muraria edificata nel 1509 su disegno dell'architetto Albertino di Giacomo da Cremona, che restaurò e valorizzò la precedente cerchia medievale. La cinta muraria, anche se manomessa e parzialmente demolita all'inizio del 1900 nel suo tratto storicamente più interessante, mostra ancora tutta la sua dignità monumentale e una certa valenza artistica. La cerchia muraria misura nel suo completo sviluppo 625,50 m e si presenta come un quadrilatero trapezoidale che cinge la parte più alta del colle dominato dalla Chiesa Parrocchiale della S.S. Annunziata. I due lati più lunghi e convergenti verso sud-est sono quelli orientali e occidentali: il terzo lato, il più corto, si apre verso sud. Il quarto con leggera sagomatura arrotondata si apre verso nord-est, nella parte che si presenta al visitatore che giunge da Jesi, ove si erge il torrione cilindrico dell'orologio. Della cinta muraria è ancora ben evidente la parte scarpata, mentre le cortine sono state coperte da abitazioni.

 

Per saperne di più clicca sull'immagine.

 

Da non perdere

Teatro comunale

Venne realizzato nella seconda metà dell'800 su progetto dell'architetto jesino Raffaele Grilli inaugurato nel 1877. Dopo una lunga chiusura il teatro, grazie a importanti lavori di restauro, è stato riaperto e restituito alla popolazione nel settembre 2001. Nei locali sottostanti, recuperati anche essi con un importante lavoro di restauro, nel 2006 è stato trasferito il Museo Civico e della Mail Art.

Torrione dell'orologio

E' il monumento simbolo della cittadina e l'immagine più presente nelle raffigurazioni che la rappresentano. E' posto nel lato orientale della cinta muraria, che si presenta al visitatore venendo da Jesi. La forma è cilindrica con base appena scarpata, doppio ordine di beccatelli e sporto merlato alla ghibellina. La torre venne rimaneggiata nelle forme attuali nel 1903 quando venne deciso, per collegare la piazza esterna con quella interna, l'abbattimento dell'antica porta di accesso, di parte delle mura e della torre civica, su cui era originariamente posto l'orologio pubblico.

 

E poi...

Palazzo Baldoni

Situato nel centro storico che racchiude all'interno delle sue mura un giardino pensile costruito su una parte delle mura castellane.

Complesso Monumentale dedicato ai caduti delle guerre Italiane

E' stato costruito in periodi diversi del novecento ammalgamando architetture preesistenti e scenografie naturali.
 

Chiesa Collegiata della Santissima Annunziata di Montecarotto (chiesa della Pieve) (XIII sec.)

Più volte rimaneggiata nel corso degli anni. La canonica è stata aggiunta nel 1792.  Il complesso conserva al suo interno una cospicua serie di opere d’arte.

Chiesa Conventuale di San Francesco

Sorge poco fuori dalla cerchia delle mura, su di una collina il cui sguardo abbraccia le campagne di Montecarotto. Faceva parte di un convento francescano soppresso nel 1867.

Chiesa di Santa Maria delle Grazie (o di San Filippo)

Deve l'origine della sua costruzione alla pestilenza scoppiata a Jesi e nel contado nel 1456.

Chiesa del Crocifisso

Di costruzione settecentesca, è a navata unica. Al suo interno un pregevole crocefisso del XVII secolo.

Chiesa di Santa Maria del Popolo
Chiesa di San Lorenzo in contrada San Lorenzo
Chiesa di San Pietro in contrada San Pietro
Chiesa di Santa Maria della Neve in contrada Taragli