Rocca di Arquata del Tronto

ROCCA DI ARQUATA DEL TRONTO

Tipico esempio di architettura del XIII secolo è una vera e propria città fortezza dall'aspetto compatto, isolata ed austera. La Rocca (13° sec.), domina la vallata e sovrasta con le sue torri la Strada Consolare Salaria, spina dorsale del territorio e del collegamento con Roma, ed il fiume Tronto, che separa la Catena dei Sibillini dai Monti della Laga). La costruzione ha proporzioni eleganti ed equilibrate, le sue torri sono sorte in diversi periodi storici per incrementare la difendibilità del luogo.
Le strutture edilizie che contribuiscono a formare l'intero corpo di fabbrica della Rocca, costruita utilizzando blocchi di pietra arenacea, hanno realizzato il suo sviluppo funzionale. Quello che vediamo è il risultato di vari interventi successivi protrattisi fino al XV secolo.
Il castello fu iniziato intorno XI-XII secolo mostra un torrione (12 m.) di pianta esagonale, coronato da caditoie, aperture sul pavimento e merli a coda di rondine. La cinta muraria, parzialmente arrivata ai nostri giorni, si sviluppava verso nord per circa 70 m, eretta con lo scopo di chiudere il lato scoperto del colle. Un percorso collegava il torrione al paese dal lato orientale.
Successivamente, tra il XIV ed il XV secolo, si costruì la torre nord, a base quadrata, larga 7 metri per 24 metri di altezza. Questo è sicuramente l'elemento più imponente della fortificazione che, con una doppia cinta muraria, si raccorda al torrione esagonale. Il camminamento di ronda, sostenuto da archetti, delimita una piazza interna di metri 21x24. All'interno del piazzale sorgevano le abitazioni che gli arquatani utilizzavano per mesi chiusi all'interno della fortezza.
L'ultimo elemento costruito fu il torrione circolare dal diametro di 10 metri, altezza 12 metri, sul lato sud-ovest. Oggi, di questo, si vedono solo le mura di fondazione e serviva ad alloggiare l'artiglieria. Le sue porte di accesso erano dislocate intorno alle strutture principali del paese, quali il palazzo nobiliare, la piazza e la chiesa.
La Rocca fu restaurata negli anni venti del Novecento, nel 1966 ha subito nuovi interventi conservativi.